abc

festival

  • Facebook
  • Instagram
festival della cultura della partecipazione
MONSUMMANO TERME
direzione artistica Rosanna Magrini

Dimostrare che la cultura può generare comunità. Che il teatro può diventarne il cervello, il luogo – fisico e ideale - di partenza e di arrivo: per lanciare idee, raccogliere istanze, incontrarsi e fare rete tra i cittadini conoscendo ed incontrando diversità.

Questa è l’idea che sta alla base di ABC festival.

 

ABC festival nasce nel 2019 a Monsummano Terme grazie ad una forte sinergia tra l’amministrazione comunale, l’associazionismo, le scuole e i docenti. Un festival che vuol essere di tutti, una valore aggiunto ed uno strumento di crescita per tutta la comunità.

 

ABC si divide in tre sezioni, in stretto collegamento tra loro.

 

La sezione spettacoli ospita compagnie di livello nazionale con prodotti destinati ai diversi target (bambini, ragazzi, adulti). Ogni spettacolo scelto è un’occasione per riflettere su tematiche civili ed urgenze contemporanee, approfondendo quegli aspetti che segnano le attività e la programmazione dell’intero festival

 

La sezione teatro e territorio si fa collettore delle esperienze di co-creazione con la comunità. Qua dentro trovate gli spettacoli finali dei percorsi laboratoriali che coinvolgono bambini, ragazzi, adulti, anziani. Centinaia di cittadini vanno in scena, portando la loro esperienza e la loro riflessione sulla discriminazione, il civismo, la storia, l’amore…

 

La sezione Res Publica è il luogo “non teatrale”, con dibattiti, incontri, proiezioni, che ospita protagonisti di quei temi e quelle urgenze che percorrono trasversalmente tutta la programmazione.

il festival è realizzato con la preziosa collaborazione di:

Pubblica Assistenza Monsummanese, Misericordia, Avis Monsummano, Fratres Monsummano, Croce Rossa Comitato Locale Monsummano, Pro Loco Rondò Montevettolini, Associazione Familiari delle Vittime dell’Eccidio del Padule di Fucecchio, Associazione Fontenova Cultura e Fraternità Onlus, Art Show Dance di Eleonora Di Miele, 365giornialfemminile

abc festival

una finestra su

Reg Mimesis Quarantena.jpg
SECONDA EDIZIONE 2020-21
il calcio è un gioco da maschi
Locandina_incontro-arminio.jpg
Il calcio è un gioco da maschi
conoscere e superare i ruoli di genere

Esplorare il mondo degli stereotipi e dei ruoli di genere, comprenderne i meccanismi e superarli per liberare, liberarci tutti dai pregiudizi che limitano la nostra identità e provocano discriminazione e violenza. 
Torna ABC Festival e torna con una bella collaborazione tra l'associazione 365GiorniAlFemminile/centro antiviolenza Liberetutte, il comune di Monsummano Terme e le scuole del territorio. Questo evento, ideato all'interno del progetto "Il contagio delle relazioni" - realizzato grazie al contributo della Regione Toscana - vedrà protagonisti i ragazzi delle scuole secondarie di Monsummano Terme che, attraverso un video e un intervento live, porteranno il loro contributo a quel processo, complesso ma necessario, per rendere ognuno libero di manifestare i propri talenti e il proprio modo di essere, libero di essere sé stesso!
--
evento online su piattaforma Zoom - a cura di Mimesis

La cura dello sguardo
conversazione con il poeta paesologo Franco Arminio

Attraversare con occhi nuovi i nostri luoghi, i nostri borghi, guardare con attenzione la realtà che abbiamo intorno, con uno sguardo consapevole e capace di farci riscoprire le piccole e grandi meraviglie che abbiamo vicino.

Abc Festival torna in questo 2021 così complicato per portare alla nostra comunità, e non solo, un vento di poesia e, attraverso la forza delle parole, sentirci più vicini.

Giovedì 25 marzo incontreremo il poeta “paesologo” Franco Arminio per conoscere meglio la sua poetica e ragionare con lui di una possibile cura alla fragilità del nostro tempo: tornare a dare fiducia alla capacità delle parole di unire i nostri sguardi, “per fare comunità, per dare coraggio al bene”.

evento online su piattaforma Zoom - a cura di Mimesis

Locandina_percorso poetico.jpg
Percorso di scrittura poetica ed educazione allo sguardo
per riscoprire insieme le meraviglie del nostro territorio
attraverso uno sguardo poetico

In un momento di estrema fragilità dell’essere umano, di incertezze e di isolamento, tornare a fare comunità è sempre più urgente. Ma come fare?

Abc Festival torna con una proposta per tutti quelli che vogliano provare a dare una risposta alla solitudine e alla frammentarietà del nostro tempo. A partire dall'incontro con l'opera di Franco Arminio, poeta “paesologo” che ha fatto della riscoperta e della narrazione del patrimonio culturale dei borghi italiani una possibilità di cura, proponiamo una percorso di scrittura poetica ed educazione allo sguardo.

Una serie di appuntamenti settimanali, ospitati da una piattaforma digitale, per attraversare i nostri paesaggi con la poesia, cercando di raccontarli, di osservarli con uno sguardo nuovo, vivo. Da Montevettolini a Monsummano Alto passando per il centro storico cercheremo di fare comunità attraverso le parole, educandoci a porre attenzione alla realtà che ci circonda e costruendone insieme una nuova narrazione.

In quelle righe che liberamente scriveremo, cercheremo la nostra piccola cura, la testimonianza del potere dello sguardo. “Dobbiamo spalancare gli occhi, sentire che ognuno di noi è ferita e guaritore”, dice il poeta. Ci cureremo di noi, guardando fuori.

PRIMA EDIZIONE 2019
Spettacoli
5a72e01f2a41a.jpg
Gli equilibristi
Teatro dell'Argine, ITC San Lazzaro (Bo)

Un turbinio di situazioni e di gags sulla scuola dei secchioni e dei bocciati, delle merendine flosce e delle prof vampiro. Uno spettacolo che racconta, dal punto di vista di quattro adolescenti, un universo fatto di emozioni vissute all’eccesso, un mondo dove “o tutto o niente”, un mondo dove se detesti il tuo sedere lo copri con sette maglioni, se non sopporti la Pazzaglia vorresti darle fuoco alla macchina, e se ami la Cecchini ti spari 2000 chilometri e la raggiungi in gita scolastica e le dici che è per sempre. Perché a questa età è così. Fino in fondo. Senza mezze misure. Sempre sul filo. In equilibrio.

oscar de summa foto lucia baldini  g-568
La sorella di Gesucristo

Una storia tanto semplice quanto terribile. Una ragazza prende in mano una pistola Smith & Wesson 9 millimetri e attraversa tutto il paese per andare a sparare al ragazzo che la sera prima, il venerdì santo della passione, l’ha costretta a subire una violenza.

Una camminata semplice, determinata, senza appelli, pubblica, che obbliga tutti coloro che la incontrano a prendere una posizione netta nei suoi confronti e al tempo stesso a svelare i retroterra emotivi e culturali sui quali la posizione che esibiscono si basa. Una ragazza che in virtù di quell’atto improvviso e inaspettato è costretta a crescere, a diventare donna, a superare gli sguardi e i pregiudizi che a questi sguardi corrispondono, superando i quali supera anche i pregiudizi stessi, come se anche questo fosse un viaggio iniziatico che dall’infanzia porta diritti nel mondo degli adulti.

di e con Oscar de Summa
guanciale.jpg
Fuggi la terra e l'onde
storie di mare, di porti, di speranze
con Lino Guanciale

L’attore, attraverso letture che spaziano da passi di Joseph Conrad ad anonimi cronisti arabi, passando per voci di migranti africani dei nostri giorni sino ai versi dall'Eneide Virgiliana, ci racconta una frastagliata ma profonda linea di congiunzione, quella della ricerca della salvezza e della felicità attraverso la sfida al mare

Teatro e Territorio
  • Manuale d’amore. Il tempo dell’attesa – spettacolo teatrale conclusivo del laboratorio teatrale con i “nonni della comunità” - in collaborazione con Accademia Musicale della Valdinievole, Associazione Familiari delle Vittime dell’Eccidio del Padule di Fucecchio – ed il prezioso contributo del Prof. Giampiero Giampieri Associazione Fontenova Cultura e Fraternità onlus - 4 maggio, ore 21,00 - (Mu.Bi. Museo Biblioteca)

  • Storia d’Italia - spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale cittadino - in collaborazione con Art Show Dance di Eleonora Di Miele. - 19 maggio ore 21,00 (Teatro Yves Montand)

  • Gli sbullizzati – 4 spettacoli con i ragazzi delle scuole primarie degli Istituti Comprensivi “A. Caponnetto” e “W. Iozzelli” sugli stereotipi e la violenza - (Arena Villa Martini) -

Res Publica
  • 4 maggio ore 16,00 – proiezione del cortometraggio Alone, diretto da Luca Ferrante, Consiglio Comunale dei Ragazzi, Istituti Comprensivi “A. Caponnetto” e “W iozzelli” e dibattito sul tema del bullismo con l’autore e i protagonisti. (Mu.Bi. Museo Biblioteca)

  • 12 maggio ore 16,00 – Incontro con Antonino De Masi, imprenditore calabrese che da anni vive sotto scorta e con le aziende presidiate dall’esercito per essersi opposto al potere delle organizzazioni criminali. Protagonista inoltre di vicende giudiziarie legate all’usura bancaria. - In collaborazione con Associazione Fontenova Cultura e Fraternità onlus e con la partecipazione di Don Francesco Gaddini. (auditorium Chiesa S. Massimiliano Maria Kolbe)

  • 17 maggio ore 21,00 - “Attraverso gli sguardi. Il ruolo di una comunità nella violenza di genere” Conversazione con Oscar De Summa - in collaborazione con 365GiorniAlFemminile (Mu.Bi. Museo Biblioteca)

Nazione.jpg
Tirreno.jpg