via del giuggiolo, 28

51017 - Pescia (Pt)

Compagnia Teatrale

Tel

+39 3491231179

+39 3202344724

+39 3911861269

  • Grey Facebook Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

"all'arte non tocca la ricerca della bellezza, ma della verità" Edoardo Sanguineti

 

Come la grandine

Omaggio ai giudici Falcone e Borsellino

 

"La mafia non è affatto invincibile, è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine.” Queste parole di Giovanni Falcone dicono molto a 25 anni di distanza dalla sua morte e da quella dell'amico e collega Paolo Borsellino.

Soprattutto ci invitano a mantenere sempre viva la speranza che la mafia, tutte le mafie possano essere sconfitte, basta che ognuno, Stato e cittadini, facciano il loro dovere. Ed una scuola che educa alla legalità è una scuola che fa il suo dovere, che da il suo contributo.

 

Il laboratorio, finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo, ripercorrendo alcune tappe fondamentali della storia del fenomeno mafioso e dell’opera esemplare e fondamentale dei due magistrati e dei loro colleghi, vuole promuovere negli studenti la cultura della legalità e del senso di appartenenza alla comunità, obiettivo per il quale l’arte teatrale, attraverso i propri linguaggi espressivi, si pone come strumento particolarmente efficace, per trasmettere e condividere emozioni, educare alla cooperazione, all’ascolto e al rispetto.

I ragazzi saranno chiamati a riflettere sui meccanismi del fenomeno mafioso e sulle responsabilità che ogni cittadino ha, individuando nell’impegno verso la collettività e la promozione della solidarietà uno strumento per conoscere le necessità degli altri in un’ottica di coesione sociale.

 

Il fenomeno mafioso rispetto agli anni di Falcone e Borsellino non si è affatto affievolito, sebbene il silenzio mediatico e la scarsa attenzione rischino di farcelo credere. La mafia esiste, anzi, si è evoluta, ed è sempre più forte, grande e potente, un morbo che ha infettato la vita sociale, politica ed economica del nostro Paese. Il nostro vuol essere un contributo alla formazione di una cittadinanza attiva, capace di riconoscere la mafia nei suoi fenomeni contemporanei e di mantenere viva la speranza di una società migliore.

Solo coltivando fin da giovani, e fin nei più piccoli gesti, una sana cultura della legalità, si diventa adulti responsabili.

E tanti adulti responsabili rendono il nostro Paese un posto migliore in cui vivere.

Achille Serra